Navigazione veloce

Storia della scuola

LA STORIA DELL’ISTITUTO

  • 1882 Il 22 dicembre il Ministero d’Agricoltura, Industria e Commercio decreta la costituzione della Scuola d’Arte applicata all’industria.

    decreto istitutivo

    decreto istitutivo

  • 1883 In aprile iniziano i primi corsi maschili serali e domenicali. Fin dai primi anni di vita la Scuola partecipa ad Esposizioni nazionali ed internazionali, ottenendo apprezzamenti ed onorificenze.
  • 1888 Viene istituito il corso femminile di Disegno per merletto.

  • 1920/24 La Scuola diventa Regia Scuola Professionale del mobile e del merletto con istituzione dei laboratori e introduzione della Cultura generale.

  • 1930/50 Vi insegnano architetti, scultori e pittori di riconosciuto valore artistico e professionale (Wenter Marini, Fausto Melotti, Bidischini, Sernesi, Barocchi, Bassi, Scaini, Marchi).

Fausto Melotti

Fausto Melotti

 

merletto anni '30 Melotti

merletto anni ’30 Melotti

 

  • 1959 La Scuola è classificata in    Istituto Statale d’Arte per l’Arredamento. Le sezioni diventano Arte del Legno, Arredamento, Decorazione (Lacche e Tessuti), Arte del Merletto e Ricamo.

  • 1968 Ha inizio il corso di educazione alla visione diretto dal Prof. Attilio Marcolli. Successivamente le lezioni verranno raccolte nel testo Teoria del campo 1 – 2.

teoria del campo

  • 1970 Viene introdotto il biennio di sperimentazione che porta a 5 anni la durata del corso e al conseguimento del Diploma di Maturità d’Arte Applicata. È istituita la sezione Arte del Tessuto.

  • 1990/91 Nasce a Lomazzo una sede staccata dove sono attivate le sezioni di Arredamento e Decorazione Pittorica.

  • 1995 Ha inizio il Progetto Sperimentale Michelangelo.

  • 2001 L’Istituto Statale d’Arte di Cantù viene intitolato a Fausto Melotti, docente della scuola all’inizio degli anni Trenta.

    Visita Ciampi

    Visita del Presidente Ciampi

  • 2004 Il 4 marzo il Presidente della Repubblica , dott. Carlo Azeglio Ciampi , visita l’Istituto.

  • 2005 La Biblioteca viene intitolata al Prof. Norberto Marchi .

    intitolazione biblioteca a Marchi

    intitolazione biblioteca a  Norberto Marchi

  • 2006 Con decreto del Direttore Regionale viene istituito il Liceo Artistico che affiancherà l’Istituto d’Arte ; la nuova denominazione sarà Istituto Superiore “F. Melotti”. La prima classe prende avvio nel 2009/10

  • 2006 L’Istituto ottiene la Certificazione di Qualità ISO 9000. L’Istituto è riconosciuto SCUOLA DI ECCELLENZA dall’Ufficio Scolastico Regionale.

  • 2010/11 Viene istituito il Liceo artistico in applicazione del D.P.R. 15/03/2010, n.89

 

Con la riforma delle scuole secondarie di secondo grado il nostro Istituto è diventato Liceo Artistico, l’unico statale presente nella provincia di Como. Le principali modifiche, previste nello schema del Regolamento di riassetto dei Licei, non riguardano l’asse portante della didattica, in quanto i nuovi indirizzi e i nuovi quadri orari ricalcano quelli del Progetto Sperimentale Michelangelo che, iniziato nel 1995, si è da tempo consolidato raccogliendo l’adesione della maggior parte degli studenti. La riforma pertanto va intesa come un momento conclusivo delle sperimentazioni in corso che entrano definitivamente a regime. Le esclusive peculiarità che hanno contraddistinto il nostro Istituto nel corso della sua storia l’hanno fatto rientrare tra le poche scuole di eccellenza presenti oggi in Italia con un riconoscimento avallato dalla visita ufficiale del Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi nel 2004. Tali specificità vengono conservate diventando il punto di partenza di un percorso in cui l’innovazione, confrontandosi con la tradizione, si arricchisce della preziosa esperienza necessaria per poter comprendere i cambiamenti e operare nel presente. La struttura architettonica che accoglie i nostri studenti è stata oggetto, negli ultimi anni, di un completo intervento di ristrutturazione. Oggi la scuola è dotata di spazi rinnovati, adeguati alle esigenze della nuova formazione artistica, con sistemi impiantistici e meccanici conformi a tutte le vigenti normative di sicurezza.